Chatelier Tirolo Spruce ‘Bearclaw’ – Brazilian Rio

0
246

(di Dario Fornara) – A Nizza, in Francia, esiste un piccolo laboratorio dove si realizzano chitarre acustiche meravigliose, opinione personale sia chiaro, ma il legame di stima e amicizia che mi lega a Gérard e Philippe Chatelier – vi assicuro – non incide sul piacere che mi procura l’imbracciare e suonare una qualsiasi loro chitarra. Quella di questa prova ha poi alcune caratteristiche che la rendono ancora più interessante e desiderabile, vediamole insieme.
tavolaIl progetto Chatelier si basa su una chitarra dallo shape simile a quello di una piccola dreadnought, ma con una linea più aggraziata e dalle dimensioni più contenute, tali da rendere questo strumento come tipologia assai più vicino a una grand auditorium. I fratelli Chatelier con questo ‘unico’ e originale modello sono in grado di soddisfare le richieste timbriche di buona parte dei chitarristi, lavorando opportunamente sia sulla scelta dei materiali utilizzati, quanto sulla costruzione stessa dello strumento. Le tavole armoniche, in abete o cedro, tutte di primissima scelta, dopo una stagionatura naturale e un invecchiamento artificiale con esposizione diretta ai raggi UV, vengono ‘accordate’ a una precisa frequenza di risonanza. A ogni tipologia di legno utilizzato per fondo e fasce poi corrisponde una sonorità caratteristica; ulteriori sfumature timbriche vengono ottenute con la lavorazione del bracing, variando spessori, il materiale della selletta, verniciatura e tutto quanto concorre alla definizione del suono di una chitarra. fondo-e-fasceL’assemblaggio avviene mantenendo lo strumento in ‘tensione’, un accorgimento che genera sia sulla tavola che sul fondo una particolare bombatura. Le colle utilizzate sono di origine animale; le controfasce, ora realizzate utilizzando una unica barra di massello piegato (senza intagli), garantiscono una maggiore rigidità strutturale che permette proprio alla tavola e al fondo di vibrare più liberamente, una soluzione questa piuttosto diffusa in passato su chitarre classiche di alta liuteria, ma che oggi è stata quasi del tutto abbandonata a causa dei costi di realizzazione. Lo strumento presenta una tavola in abete del tirolo marezzato Bearclaw, mentre fondo e fasce sono realizzate in bellissimo palissandro brasiliano; ovviamente tutti i legni sono masselli. L’altezza delle fasce di questa chitarra è stato leggermente ridotto (92-108 mm) rispetto allo standard Chatelier, ed è stato diminuito anche il diametro del foro alla buca, per ottenere il massimo bilanciamento timbrico, senza penalizzare il volume generale e la proiezione dello strumento. I binding della cassa sono realizzati in ebano, così come il ponte, i bridge pins e la tastiera. Sulla fascia inferiore sotto il manico è presente un ampio bevel che svolge egregiamente il proprio lavoro, permettendo un accesso agevole fino al XV tasto, una soluzione che non sacrifica una preziosa (timbricamente) porzione di cassa armonica, come avviene solitamente realizzando una tradizionale spalla mancante. Il manico, in mogano dell’Honduras, è avvitato e innestato alla cassa seguendo un angolo di incidenza piuttosto pronunciato: questo aumenta l’altezza delle corde sulla tavola armonica generando una componente di ‘sollevamento’ oltre che di trazione sulla stessa, a beneficio della trasmissione della vibrazione. La selletta e il nut sono in Black Tusq, una garanzia per un suono definito e brillante. L’interasse tra le corde al ponte misura 58 mm mentre la larghezza del capotasto misura 46 mm. La tastiera è contornata da un invisibile filetto in ebano che contiene le estremità dei tasti; questi sono di medie dimensioni. Non sono presenti inutili dot (posizionati solo sul bordo superiore). La paletta sul fronte e sul retro è rivestita anch’essa in ebano, donando allo strumento un look volutamente dark, elegante ed essenziale; la firma Chatelier in madreperla svetta sulla paletta, mentre sei ottime meccaniche Gotoh 510 (nere, anche loro!) con rapporto di riduzione 1:21 e un truss rod a doppia azione completano la dotazione di questa chitarra. Lo strumento è costruito in modo perfetto, nessuna sbavatura, nessuna incertezza nelle lavorazioni. Il manico è molto sottile (20 mm di spessore al V tasto) e presenta un profilo a D schiacciato, decisamente ‘moderno’ e perfetto per le mie mani. Il diapason è corto, misura 633 mm, l’action è bassa, un cocktail che crea facilmente dipendenza e permette una suonabilità non comune per uno strumento comunque pensato per l’utilizzo di set di corde .012 o superiori.
palettaIl suono è ricco, potente e bilanciato, il volume e il sustain si mantengono praticamente inalterati su ogni porzione della tastiera: la chitarra risponde in modo sorprendente anche dopo il decimo tasto. Il timbro è definito, ma alla fondamentale si aggiunge sempre una coda di armonici che si fonde in un generoso riverbero naturale. La chitarra è estremamente reattiva e permette di ottenere un’infinità di sfumature timbriche.

Una chitarra perfetta per il fingerstyle, genere per la quale è stata pensata e realizzata, ma versatile come ci si aspetta da uno strumento di questo livello. La selletta in Tusq non concede nulla in termine di calore timbrico, ma restituisce dettaglio e definizione; a qualcuno potrà non piacere, ma sicuramente concorre a trasmettere in modo bilanciato il segnale al sistema di amplificazione Heart Sound installato, trasduttore sottosella più microfono a contatto miscelabili, che funziona egregiamente e del quale abbiamo già parlato sulla pagine di questa rivista. Il prezzo di questa chitarra è in linea con la qualità offerta; considerati i materiali utilizzati, addirittura più conveniente rispetto ad altri marchi più blasonati.

Dario Fornara
dariofornara1@alice.it
www.dariofornara.it

Scheda tecnica
Tipo: chitarra acustica
Modello: Tirolo Spruce ‘Bearclaw’ – Brazilian Rio. (d. fornara customer)
Costruttore: Chatelier Frères Guitares
gerard.chatelier@wanadoo.fr – www.chatelierfreres.com
Prezzo al pubblico: € 4800 (custodia rigida inclusa nel prezzo)
Tavola armonica: abete Tirolo ‘Bearclaw
Fondo e fasce: palissandro brasiliano
Manico: mogano Honduras
Tastiera: ebano
Ponte: ebano
Bridge Pin: ebano
Diapason: 633 mm ‘short scale’
Capotasto: Black Tusq 46 mm
Selletta: Black Tusq
Meccaniche: Gotoh 510, rapporto di riduzione 1:21
Amplificazione: a richiesta, non compresa nel prezzo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui