Soundsation Shadow BA100CTE-MBK e Yellowstone 648

0
185

(di Mario Giovannini) – Di Soundsation ci siamo già occupati in passato, ma forse merita ricordare alcune cose di questo singolare marchio. Un progetto interessante, portato avanti dalla Frenexport di Recanati, uno dei principali operatori nel settore degli strumenti musicali in Italia. Che, al pari di molti altri, si è rivolta al mercato asiatico alla ricerca di produttori in grado di offrire prodotti con un adeguato rapporto qualità/prezzo, da comercializzare nel nostro paese. Ma, al contrario di quello che in genere succede, hanno preferito selezionare, per ciascun prodotto, un interlocutore in grado di garantire sempre un livello qualitativo adeguato, piuttosto che fare riferimento a un unico polo industriale. Considerato che il catalogo Soundsation è enorme e spazia da qualunque tipo di strumento – corda, fiati, percussioni ecc. – fino alle attrezzature audio, per DJ, senza dimenticare gli impianti luce, accessori e cavetteria varia, il lavoro di ricerca e sviluppo deve essere stato enorme. Quasi quanto poi pianificarne l’omologazione agli standard visivi e concettuali del brand. Quindi, prodotti di buona qualità al miglior prezzo possibile, con un pizzico di gusto italiano, che non guasta mai. Ma veniamo alle chitarre oggetto della prova, una delle quali – la Yellowstone – fresca fresca di presentazione ufficiale all’ultimo NAMM.

Yellowstone1Yellowstone 648
Si tratta di una dread classica, che più classica non si può. Per la verità, è disponibile anche in tante belle colorazioni fantasiose, ma per fortuna quella che è arrivata è natural. Ovviamente, trattandosi di uno strumento estremamente economico, è stato realizzato anche in tinte che ne facilitassero l’approccio alle fasce di età più basse, a cui è chiaramente indirizzata. Quindi: strumento base, realizzato con materiali dichiaratamente non nobili – tutto laminato per interderci – ideale sulla carta come prima chitarra. La costruzione della Yellowstone, bisogna sottolinearlo, è assolutamente impeccabile. Tutto pulito, senza sbavature, ben fatto. Anche se non sono masselli, l’abete della cassa e il mogano della cassa hanno un aspetto piacevole e, con il binding crema sulle giunzioni e lungo il manico, nell’insieme tutto funziona a meraviglia. Il manico in mogano è dritto, perfettamente intonato, le meccaniche funzionano a dovere. E la nostra prova potrebbe anche fermarsi quì, perché a meno di 80 euro avere uno strumento intonato, che tiene l’accordatura e che è anche bellino da vedere sarebbe già il massimo che si può pretendere. Ma in realtà la Yellowstone va oltre. È ben settata di fabbrica, quindi facilita l’approccio allo strumento anche a chi non sa neanche come si scrive ‘liutaio’ o setup. Ed è ben bilanciata, calza bene addosso, senza scappare da tutte le parti. Ma non basta: suona anche bene! Certo non è una D-28, ma sinceramente ce n’è abbastanza da rimanere stupiti. Bassi potenti, medi ben spinti, cantini squillanti. Certo la pasta sonora non è ricchissima di overtone, ma piuttosto centrata sulla fondamentale. Cosa che per altro, per un neofita, potrebbe anche non essere una cosa così tremenda, aiutando a non impastare troppo l’esecuzione.

Shadow BA100CTE-MBK
Shadow2Con Soundsation bastano poco più di 200 euro per fare una differenza incredibile: se la Yellowstone è Cenerentola, questa Shadow è la principessa del castello. Tavola in abete massello, spalla mancante, amplificazione Fishman on board… tutto un altro mondo. Anche se personalmente non amo particolarmente le chitarre con la cassa colorata, devo ammettere che in questo caso l’accostamento tra il nero satinato, i filetti crema e il binding in palissandro sulle giunzioni della cassa, creano un effetto estetico estremamente azzeccato. Ciliegina sulla torta le meccaniche dorate con la palettina in gomma nera. Certo, forse più adatto a un rocker che a un cantautore, ma nel complesso il design dello strumento è molto gradevole. Anche in questo caso, quasi inutile sottolinearlo, oltre ad arrivare con un ottimo setup di fabbrica, la realizzazione dello strumento è assolutamente impeccabile. Ovviamente siamo su un livello differente rispetto all’altra e alla prova pratica si sente. Strumento decisamente più ‘nobile’ con sonorità più articolate e complesse. Suona forte e suona bene, con una ottima risposta dinamica, soprattutto con il plettro. E comunque stiamo sempre parlando di uno strumento dal costo decisamente contenuto. L’ideale evoluzione, si potrebbe dire, di chi ha cominciato con la Yellowstone.

Conclusioni
Le Soundsation ci erano già piaciute parecchio in passato, le nuove serie non fanno altro che confermare le ottime impressioni che già ne avevamo ricavato. Paradossalmente ci è piaciuta molto di più Cenerentola, l’economicissima Yellowstone. Incredibile che chitarre di questa fascia di prezzo arrivino a questi livelli, strumenti a tutti gli effetti, in grado di regalare ottime soddisfazioni. Da consigliare senza tema di far brutte figure a tutti gli allievi alla ricerca di un buono strumento per cominciare. Anche se viene voglia di acquistarne un tot da usare per le accordature alternative…

Mario Giovannini
mario.giovannini@chitarra-acustica.net

Scheda tecnica
Yellowstone3SOUNDSATION Yellowstone 648
Tipo: chitarra acustica
Costruzione: Cina
Distributore: Frenexport – Porto Recanati
www.frenexport.it
Prezzo: € 79 (IVA inclusa)
Top: abete laminato
Catene: abete
Fasce e fondo: mogano laminato
Manico: mogano
Tastiera: palissandro
Binding: BWB
Meccaniche: cromate
Amplificazione: no
Scala: 650 mm
Tasti: 20

 

SOUNDSATION Shadow BA100CTE-MBK
Shadow1Tipo: chitarra acustica
Costruzione: Cina
Distributore: Frenexport – Porto Recanati
www.frenexport.it
Prezzo: € 289 (IVA inclusa
Top: abete solido
Catene: abete
Fasce e fondo: mogano laminato
Manico: mogano
Tastiera: palissandro indiano
Ponte: palissandro indiano
Binding: palissandro
Meccaniche: dorate
Amplificazione: Fishman
Scala: 650 mm
Tasti: 20

PUBBLICATO

 

 

 

 

Chitarra Acustica, n.03/2015, pp. 44-46

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui