Hughes & Kettner Era 1

0
54

(di Marco Alderotti) – La chitarra acustica negli ultimi anni ha conosciuto un grande incremento di vendite. È chiaro che i tanti festival dedicati, ormai sparsi ovunque, hanno aiutato molto. Sta di fatto che molti costruttori, visto questo netto cambiamento, si sono immersi in questo meraviglioso mondo acustico introducendo sul mercato prodotti professionali e di qualità. È il caso di Hughes & Kettner – azienda teutonica dedita alla fabbricazione di ottimi amplificatori, valvolari e non, per chitarra elettrica – che da poco tempo ha introdotto una serie di ampli per chitarra acustica con i modelli Era 1 ed Era 2.

Il modello in prova è l’Era 1, un robusto combo dalle dimensioni contenute e, come vedremo e sentiremo, con caratteristiche e sonorità molto interessanti. Nato dalla collaborazione con lo specialista e progettista dell’amplificazione acustica Michael Eisenmann, già collaboratore di AER Amps, sconosciuto ai più ma considerato tra i migliori del settore, la serie Era 1 promette di regalare grandi suoni, rispettando sempre e comunque lo strumento collegato, con dinamica e volume fuori dal comune.

L’ampli eroga 250 W attraverso un cono da 8” per i medio/bassi e un tweeter a cupola da 1” per le frequenze acute. L’amplificatore è disponibile sia in colore antracite antigraffio, sia in legno naturale, che sicuramente regala più eleganza e addirittura fa arredamento nella propria abitazione. A corredo viene fornita una semplice ma robusta gigbag di protezione.

La dotazione di ingressi e uscite è particolarmente ricca. L’amplificatore è a 4 canali, due espressamente studiati per amplificare al meglio chitarre acustiche, nylon, voce e strumenti acustici in generale. Il canale 3 è riservato a un ingresso di linea, adatto per sorgenti esterne quali iPad, MP3 ecc., mentre il canale 4 è idoneo per collegare effetti esterni. I canali 1 e 2, come detto, sono quelli riservati a strumenti e voce, caratterizzati da controllo gain, equalizzazione a 3 bande con annesso mini interruttore EQ (il cui compito è quello di cambiare la banda di equalizzazione per un miglior adattamento allo strumento/voce da amplificare), selettore a 16 scatti per selezionare l’effetto desiderato tra i vari riverberi, delay, chorus e flanger, più volume effetti. Sono presenti sempre sui primi due canali tre mini interruttori: Mute, Shape (anch’esso permette un miglior adattamento ai diversi strumenti e registri vocali) e -10 dB (comodo per attenuare il volume in presenza di segnali molto elevati). A chiudere il pannello superiore: controllo Aux In (canale 3), Notch e volume generale.

Anche posteriormente il pannello è molto affollato, con i due ingressi dei canali 1 e 2 con prese XLR/Jack e provvisti entrambi di alimentazione phantom. Il canale 3 ha ingresso a minijack stereo (3,5 mm) mentre il canale 4 ha un ingresso sempre stereo da 1/4”. A seguire loop effetti con minipotenziometro per il livello del segnale. L’uscita D.I. consente di prelevare il segnale prima o dopo la sezione equalizzazione tramite mini interruttori. È presente una comoda uscita Tuner con a seguire uscita Footswitch, che tramite un semplice controllo On/Off può mettere in mute l’ampli o bypassare gli effetti integrati. Per finire uscita cuffie, Line Out con pot level, mini interruttore Ground/Lift, uscita ottica, interruttore accensione (sul pannello superiore è presente una piccola spia blu a indicarci lo stato di esercizio dell’ampli) più presa alimentazione rete.

Non c’è che dire, di cose ce ne sono e molte. Quindi passiamo con curiosità alla prova pratica di questa macchina tuttofare, che già così ci fa capire come Hughes & Kettner abbia puntato su questa serie usando componenti accuratamente selezionati, con convertitori AD/DA di qualità premium. Collego la mia amata steel nell’input 1 e come di consueto posiziono tutto flat, con effetti momentaneamente esclusi: già dai primi istanti rimango colpito per volume e dinamica sopra la media. Sia con il plettro che con il thumbpick o le sole dita, la definizione è ricca di dettagli, rispettando al meglio le caratteristiche tonali dello strumento collegato. I vari controlli sono molto sensibili e già con minime variazioni il suono cambia realmente, a dimostrazione dell’ottima componentistica e del progetto stesso.

Gli effetti on-board sono la ciliegina sulla torta di questo ampli con preset realistici e di gran qualità, con un timbro caldo e dettagliato. I 16 preset a nostra disposizione sono davvero tanti e sfruttabili, con possibilità – già impostate di fabbrica – di poter abbinare delay/reverb, chorus/reverb, flanger/reverb ecc. Comodo il controllo Notch contro feedback indesiderati, ma in tutta sincerità durante il mio test non ci sono stati particolari inneschi di Larsen, considerando che il volume era abbastanza consistente. Incluso nella dotazione è presente un comodo cavalletto pieghevole e reclinabile (tra 25° e 35°) che sicuramente può risultare indispensabile in molte situazioni.

Numerosi professionisti già stanno usando questo nuovo amplificatore e tra i vari endorser vorrei citare Petteri Sariola e Mike Dawes, mentre ultimamente anche il grande Al Di Meola è entrato a far parte della grande scuderia Hughes & Kettner. Non c’è che dire: l’ampli è bello a vedersi, è comodo, suona bene ed è costruito in maniera quasi maniacale. Da provare se vi capita, perché potrebbe nascere un nuovo amore. Il prezzo è un po’ alto, ma direi in linea con la concorrenza.

marcoalderotti1966@gmail.com

Scheda tecnica

Hughes & Kettner Era 1

Tipo: amplificatore per chitarra acustica e voce

Costruzione: Germania

Canali: 4

Potenza: 250 W

Speaker: woofer da 8”, tweeter a cupola da 1”

Effetti: riverbero, delay, chorus e flanger

Dimensioni: 350 x 285 x 290 mm

Peso: 10,75 kg

Prezzo: € 1059 (IVA inclusa)

Distributore: www.casalebauer.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui