Yamaha CSF3M

0
80

(di Marco Alderotti) A chi non è capitato di sentire la mancanza della propria amata sei corde in ferie o addirittura nell’ora di pausa pranzo? Spesso, per problemi di spazio o soprattutto perché a casa abbiamo uno strumento di pregio, si decide di lasciar perdere. Fortunatamente, molti costruttori hanno introdotto a catalogo delle mini size con caratteristiche e sonorità davvero entusiasmanti, proposte a prezzi molto competitivi.

È il caso della nuova Yamaha CSF3M in prova, elettrificata, a scala corta, dal bel colore vintage natural con finitura lucida e dimensioni compatte, ben realizzata e direi molto appetibile. Questa serie CSF vanta un top in abete Sitka massello, realizzato con un singolo foglio, e fasce e fondo in mogano massello dalle venature pronunciate e molto belle esteticamente. Il manico – per il quale la scelta è andata a favore del nato, legno asiatico utilizzato spesso al posto del mogano, simile esteticamente ma inferiore come qualità – presenta una sezione a ‘C’ molto comoda da suonare e con finitura satinata, che personalmente adoro per la sua scorrevolezza. Sia tastiera che ponte sono realizzati in palissandro di buona qualità, con un ponte davvero originale e in linea con il design della chitarra.

Per nut e traversino, Yamaha ha usato l’urea, materiale composito di resina, mentre la rosetta attorno alla buca è caratterizzata con due fili in similmadreperla di dimensioni diverse, soluzione semplice ma gradevole. Anche sulla tastiera sono presenti dei mini dot, sempre in similmadreperla con 20 tastini installati e rifiniti alla perfezione. La paletta, dalla forma gradevole tipica del brand, è impiallacciata in palissandro con alle estremità sei meccaniche pressofuse cromate, in versione mini, morbide e precise nel funzionamento, con buona tenuta dell’accordatura.

Particolare il binding lungo il body, sia sopra che sotto, con un mix formato da abete più fili bianco e nero, che si fa apprezzare per eleganza ed estetica. La chitarra ha scala 23.5” (600 mm) con una lunghezza del body di soli 450 mm e una profondità che varia tra gli 85 e i 105 mm.

Lo strumento, amplificato con il sistema passivo SRT Zero Impact, progettato e realizzato in azienda, ha il secondo gancio per la tracolla e di serie viene fornita una comoda custodia morbida imbottita.

La chitarra è molto leggera e ben bilanciata, sia da seduti che in piedi, comoda e con risposta tonale adeguata. Chi si aspetta poco volume, o suono piccolo, deve cercare altrove, perché il body compatto di questa piccola Yamaha racchiude un suono ricco, vibrante e pieno. È chiaro che bassi da dread non li dobbiamo pretendere assolutamente, ma tutto sommato le frequenze ci sono tutte, forse spostate sui medio-alti, però con un risultato timbrico musicale e mai fastidioso.

Questa serie di strumenti utilizza bracing smerlati di nuova concezione, che offrono grande risonanza per un suono ricco, dinamico e con un buon volume di uscita, quale che sia la tecnica usata. In particolare in strumming e flatpicking i risultati sono molto convincenti, anche se inizialmente bisogna familiarizzare un po’ con il manico leggermente stretto, ma allo stesso tempo comodo e scorrevole. Il setup di fabbrica lo trovo quasi perfetto per il mio modo di suonare, considerando che faccio un grande uso di capotasti mobili e quindi, da un mio strumento, pretendo una action comoda ma non da chitarra elettrica.

L’amplificazione on-board, come già specificato, è il sistema passivo SRT Zero Impact a una via (solo piezo), molto semplice e praticamente invisibile, non avendo controlli e vano batteria. Collegato lo strumento a un ampli per acustica, o direttamente a un mixer, il suono che esce è molto naturale e dinamico, con note dettagliate e buon sustain. Personalmente consiglio di usare un preamplificatore esterno, essendo il segnale in uscita molto basso, ma se possediamo un amplificatore abbastanza potente, il suono sarà più che sufficiente nella resa.

Chitarra consigliata per prove con la nostra band, ma soprattutto per avere sempre con noi un buono strumento da poter suonare, semplice, bello e divertente.

marcoalderotti1966@gmail.com

Strumento gentilmente concesso per la prova da Niccolai Grandi Magazzini della Musica di Vicopisano (Pisa).

Scheda tecnica

Yamaha CSF3M

Tipo: chitarra acustica elettrificata a scala corta

Top: abete Sitka massello

Fondo e fasce: mogano massello

Manico: nato

Tastiera e ponte: palissandro

Nut e traversino: urea

Meccaniche: pressofuse cromate (mini)

Amplificazione: pickup piezoelettrico SRT Zero Impact

Prezzo: € 499 (IVA inclusa)

Distributore: www.yamaha.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui