sabato, 24 Settembre , 2022
spot_img

Chitarra acustica Goodall Grand Concert

 

Oh mio Dio!

Per un occhio allenato, riconoscere al volo i possessori di una chitarra realizzata da James Goodall non è difficile. Basta saper individuare l’espressione sorniona e soddisfatta, il sorrisetto beato e l’atteggiamento un po’ distaccato con cui valutano gli altri strumenti. E, in effetti i lavori del liutaio americano, che di recente ha lasciato le Hawaii per tornare in Continente, a Fort Bragg in California, sono delle piccole opere d’arte. La sua produzione, circa trecento esemplari l’anno, si articola su due serie: la Traditional, che replica i modelli Martin pre-war, e una di progettazione originale con cinque shape del corpo differenti. Si parte dalla Parlor 12 Fret per arrivare alla Jumbo, a crescere in ordine di dimensione. La chitarra ricevuta in prova è una Grand Concert, la seconda secondo questa scala di classificazione. Uno strumento quindi, almeno sulla carta, decisamente votato al fingerstyle.

Le dimensioni della chitarra sono molto vicine a quelle di una OM, leggermente più piccola ma con la stessa profondità. I materiali utilizzati sono di livello eccellente: la tavola armonica è in abete Engelmann Master Grade, così chiaro che si fa fatica a individuare la giunzione delle due sezioni a libro; fasce e fondo sono realizzate in ebano Macassar, con una marezzatura spettacolare. Le giunzioni sono ornate da un binding in acero fiammato su piano e fondo, da un bordo bianco sulle fasce. Ponte e tastiera, in match, sono in ebano, con alcune venature che richiamano il Macassar del fondo. La rosetta alla buca, molto semplice, è un doppio filetto con un elegante intarsio in abalone. Il battipenna c’è ma non si vede, nel senso che è trasparente, e non si sarebbe potuto fare altrimenti con questi legni. Il manico, con 21 tasti perfettamente posati e intonati, è in mogano come la paletta che monta meccaniche Gotoh 510 Super Machine Head cromate, con la palettina in ebano. I segnatasti sono a fiocco di neve in abalone. Come di consuetudine per Goodall, la headstock è impiallacciata in accordo con la cassa, con il logo alato intarsiato in madreperla. In tanta bellezza e armonia di forme e materiali, questo è l’unico elemento che stona un po’: sembra grezzo, appena sbozzato. Il sospetto che si tratti di una scelta precisa per restituire lo strumento alla sua dimensione ‘artigianale’ è forte.


Ficcando il naso dentro la cassa si percepisce immediatamente il profumo delle essenze e non si può far a meno di notare, oltre al tradizionale cartiglio con i dati del costruttore, la presenza di una seconda etichetta posizionata sul tacco del manico, che riassume i materiali utilizzati per la costruzione. Molto interessante, comodo e sensato in caso di diversi passaggi di mano dello strumento… anche se una situazione del genere non pare un’eventualità così probabile. La pulizia, comunque, regna sovrana: niene sbaffi di colla in eccesso, con incastri netti e precisi, privi di schegge.


Una volta imbracciata – e sarebbe anche ora – la GC risulta perfettamente bilanciata, al punto di stare su da sola, senza l’ausilio delle braccia. La sezione del manico è a C tonda, e riempie la mano al punto giusto. Il set up non è da corsa, ma sicuramente valorizza la resa dello strumento. Che è, obbiettivamente, impressionante. L’attacco è pronto e veloce, il sustain lungo e corposo, arricchito da un bel riverbero naturale. La gamma sonora espressa è completa e bilanciata, senza buchi o eccessi in nessun punto della curva. Il tono è ricco, complesso e articolato, ma sempre senza esagerare. Overtone e armoniche non prevaricano mai la fondamentale, lasciando ben netta la distinzione tra le note. Proprio per questa caratteristica è la chitarra perfetta per il fingerstyle. I cantini, in particolare, rotondi e asciutti, permettono di valorizzare la melodia senza nessuna fatica. Ma hanno fatto bene a metterci anche il battipenna, perché anche con il plettro ha il suo perché. Non è da trascurare per uno strumming leggero in accompagnamento al canto.  Proprio come una OM, cui fa riferimento, è una chitarra piacevolmente versatile, pur avendo carattere da vendere. Certo, se si vuol fare a ‘cannonate bluegrass’, meglio rivolgersi a una delle sorelle maggiori.


Nel complesso si tratta di uno strumento di valore assoluto, con un suono molto moderno ed efficace, versatile e a suo agio anche in tecnica mista dita/plettro. Certo, la qualità di questo livello si paga, e non poco. Ma, a parte il sorrisetto beato che ci si stampa sul viso, seguito da un’immancabile «Oh mio Dio!», merita di essere provata, soprattutto da chi è alla ricerca di una ipotetica chitarra definitiva. Potrebbe essere un buon punto di partenza, visto poi che il buon James è disposizione per realizzare personalizzazioni di qualsiasi tipo.

Mario Giovannini

SCHEDA TECNICA
Goodall Grand Concert

Tipo: chitarra acustica
Costruzione: Stati Uniti
Importatore: Daniele Cabibbe, Milano, tel./fax 02 4814508, www.danielecabibbe.com, sassopazzo@alice.it
Prezzo: 7.275,00 euro
Top e catene: abete Engelmann Master Grade
Fasce e fondo: ebano Macassar
Manico: mogano
Tastiera: ebano
Ponte: ebano Macassar
Battipenna: trasparente
Binding: acero fiammato
Meccaniche: Gotoh 510 Super Machine Head con palettina in ebano
Larghezza al capotasto: 45 mm
Larghezza al ponte: 58 mm
Scala: 650 mm
Tasti:  21

Articolo precedenteO que será
Articolo successivoWhere Did You Throw My Love

Related Articles

18 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Stay Connected

21,988FansMi piace
3,497FollowerSegui
20,100IscrittiIscriviti

Ultimi Articoli