Acoustic Guitar Meeting 2014: XVII edizione, 28 maggio-1 giugno

0
29

logoAGM17_2014_ovale_picc

Sarzana – Fortezza Firmafede e Centro storico
È iniziato il conto alla rovescia per il prossimo Acoustic Guitar Meeting di Sarzana, che si terrà nell’arco di cinque giorni dal 28 maggio al 1° giugno 2014, e sono state annunciate le prime anticipazioni.

Corsi di formazione di Liuteria e Didattica per chitarra acustica (e oltre). Si svolgeranno nei primi tre giorni del Meeting, dal mercoledì 28 al venerdì 30 maggio, all’interno del Chiostro di San Francesco a due passi dalla Fortezza. Per la liuteria, ill corpo docenti prevederà George Lowden, liutaio fondatore del marchio irlandese Lowden Guitars, che giunge quest’anno ai suoi quarant’anni anni di attività, e Chris Jenkins, liutaio texano, profondo conoscitore delle tecniche di costruzione e di ornamento degli strumenti, al punto che la rivista americana Acoustic Guitar ha citato una sua chitarra «tra gli otto strumenti da sogno». Per la didattica chitarristica, con il consueto coordinamento di Davide Mastrangelo, direttore del Centro Studi Fingerstyle di Arezzo, si alterneranno Mike Dowling, Diane Ponzio e atri artisti in corso di valutazione. Inoltre si terranno corsi e laboratori dedicati all’ukulele e sarà confermata l’area riservata all’Ukulele Village.

New Sounds of Acoustic Music – Premio Carisch 2014 – In memoria di Stefano Rosso. Come ormai consuetudine, la prima parte della serata-concerto del giovedì sarà consacrata alla finale del concorso rivolto alle giovani proposte della chitarra acustica. Alle ore 19 di giovedì 29 maggio, dieci giovani chitarristi acustici dell’età massima di 35 anni (sei chitarristi solisti e quattro cantautori-chitarristi) si alterneranno sul palco centrale della manifestazione per presentare due brani a testa, che potranno essere inediti per chitarra di propria composizione o adattamenti originali per chitarra di brani musicali di qualsiasi origine, oppure brani cantati composti personalmente e accompagnati con la chitarra acustica. La lunghezza dei due brani deve essere contenuta in 4 minuti ciascuno. Sarà possibile utilizzare chitarre acustiche con corde metalliche o anche con corde di nylon, ma lo stile dei brani dovrà essere di chiara matrice moderna e non classica.
La selezione dei dieci finalisti è affidata all’associazione culturale Armadillo Club che organizza la manifestazione (selezionerà 3 cantautori-chitarristi), al Centro Studi Fingerstyle (selezionerà 2 chitarristi), a Lizard Accademie Musicali (selezionerà 1 chitarrista), alla rivista GTR & Bass (selezionerà 1 chitarrista) oltre che al nostro portale Fingerpicking.net, che selezionerà 2 chitarristi e 1 cantautore-chitarrista. I partecipanti dovranno inviare entro il 28 febbraio i propri nominativi, una breve biografia e le registrazioni dei brani da proporre ad una soltanto delle citate organizzazioni che effettuano la selezione. Alla fine del mese di marzo sarà comunicato agli interessati l’eventuale superamento della selezione in vista della partecipazione alla serata finale.
Nella serata finale, una giuria selezionata premierà la migliore esibizione chitarristica e la migliore esibizione cantautorale. I premi saranno messi a disposizione dalla ditta Carisch, partner dell’evento, e dalle aziende John Pearse Strings e B-Band. Inoltre, i due primi classificati saranno ospiti della successiva edizione dell’Acoustic Guitar Meeting e parteciperanno ad altre manifestazioni chitarristiche organizzate dall’Armadillo Club. Una serie di altri riconoscimenti e menzioni saranno assegnati a tutti i partecipanti.
Un grande artista internazionale sarà ospite speciale della serata finale e ‘tutore’ dei partecipanti, esibendosi successivamente in concerto e prendendo parte alla giuria. Tra i componenti della giuria sono previsti: Emanuela Rossi, figlia di Stefano Rosso; Davide Mastrangelo, direttore del Centro Studi Fingerstyle; Andrea Carpi; Giovanni Unterberger, fondatore di Lizard Accademie Musicali; Reno Brandoni per Fingerpicking.net; Marino Vignali per la ADGPA Italiana; Germano Dantone per Carisch; Giovanni Ravaglioli per Heineken Italia; Alessio Ambrosi, direttore artistico del festival, e infine un artista e un liutaio tra le presenze internazionali della manifestazione.
Chi desidera partecipare al concorso e inviare il proprio materiale a Fingerpicking.net, può farlo all’indirizzo info@fingerpicking.net.

Il mandolino nel mondo. Nei giorni del festival si preannunciano diverse conferenze e incontri, che si terranno all’interno della Torre della  Fortezza Firmafede. In particolare è già confermata la mostra “Il mandolino nel mondo” a cura dei maestri liutai Leonardo Petrucci e Franco Di Filippo, che proporranno un viaggio dai vicoli di Napoli alle praterie azzurre del Kentucky, dalle strade di Rio de Janeiro ai boulevard di Parigi: un percorso guidato nella storia del  mandolino, fra rari strumenti storici, a volte  rarissimi e in qualche modo bizzarri, che hanno reso universale uno degli strumenti musicali con il quale viene maggiormente identificata la tradizione musicale italiana. Oltre tre secoli di storia in una mostra di strumenti a pizzico, fra mandolini, mandole, mandoloncelli, liuti cantabili, mando-bassi e strumenti a doppio manico e doppie tavole armoniche provenienti da tutto il mondo. Verranno affrontati in particolare i seguenti argomenti: le differenze nella liuteria regionale italiana tra i modelli napoletani, romani,  lombardi e siciliani; le doppie tavole armoniche del francese Gelas e le ineguagliabili finiture in madreperla, avorio e tartaruga della scuola napoletana e romana; i modelli di oltreoceano, dal Brasile con la musica choro agli Stati uniti con il bluegrass e la dawg music, dalle linee a ricciolo di Orville Gibson e Loyd Loar per finire con la liuteria moderna e con i modelli elettrici solid-body. Sarà presente il liuto cantabile di Luigi Embergher, unico esemplare al mondo. Un’esposizione che consentirà di viaggiare fra storia e melodie, passando da Vivaldi a Beethoven, dalla country music al  jazz, dalla  choro brasiliana alla musica napoletana, accompagnati sempre da quattro semplici corde doppie.

Info: www.acousticguitarmeeting.net.

PUBBLICATO
Chitarra Acustica, 12/2013

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui