Un Paese a Sei Corde 2014

0
150

L’Associazione culturale ‘La Finestra sul Lago’ presenta
Un Paese a Sei Corde 2014 – IX edizione

Nona edizione per Un Paese a Sei Corde, festival ‘itinerante’ che, ormai, è una realtà nel panorama italiano della chitarra acustica. Diciannove concerti in rassegna, precededuti da un’anteprima straordinaria con protagonisti artisti di livello assoluto che, dal lago d’Orta al Maggiore, dalla pianura alla montagna, offriranno il meglio della loro produzione. La rassegna offre anche l’opportunità di visitare alcune tra le più suggestive località, scoprendo paesi e luoghi dal fascino particolare e dai panorami formidabili. Torna anche quest’anno il ciclo di incontri con i liutai denominato Fingerstyle Life, che permetterà di toccare con mano strumenti unici e di ascoltarli suonare nelle mani di artisti in grado di valorizzarli appieno. E non può mancare, come di consueto, la rassegna nella rassegna, ovvero Chitarra Femminile Singolare, che propone alcune delle migliori interpreti di livello nazione della chitarra classica a fianco di giovani promesse. Tutti i concerti iniziano alle ore 21. I luoghi indicati tra parentesi sono le alternative in caso di pioggia.

L’anteprima
– 1° giugno, Quarna Sotto, Museo degli strumenti a fiato: Antonio Calogero & Paul McCandless. Paul McCandless e Antonio Calogero incarnano nella loro musica lo spirito delle più amate sonorità del Mediterraneo, senza per questo trascurare di trascenderne i confini per ricavare il meglio da ogni musica nel mondo.

Martino Coppo e Paolo Bonfanti
Martino Coppo e Paolo Bonfanti

– 7 giugno, Ameno, Museo Tornielli: Paolo Bonfanti & Martino Coppo. L’amicizia tra Palo Bonfanti e Martino Coppo si può davvero definire ‘di vecchia data’. Correva l’anno 1985 quando un giovanissimo Paolo è stato chiamato a sostituire Beppe Gambetta, deciso ormai a intraprendere la carriera come solista, nei Red Wine, storica formazione bluegrass italiana. E da allora Paolo e Martino non si sono mai persi di vista.
– 14 giugno, S. Maurizio d’Opaglio (frazione Lagna), Cortile dell’Associazione (Teatro degli Scalpellini): Fingerstyle Life con il liutaio Mirko Borghino (ore 17-19) e il concerto di Francesco Buzzurro (ore 21). Buzzurro è oggi uno dei più apprezzati e poliedrici chitarristi italiani, votato dalla rivista di settore Musica jazz[ come uno dei più talentuosi del panorama internazionale.
– 21 giugno, S. Maurizio d’Opaglio (frazione Lagna), Cortile dell’Associazione (Teatro degli Scalpellini): Fingerstyle Life con la liutaia Silvia Zanchi (ore 17-19) e il concerto di Gabriella Perugini (ore 21).Gabriella Perugini, in questi ultimi anni, si è dedicata nello specifico all’approfondimento della multisensorialità e delle sue applicazioni in campi, oltre che concertistici, attinenti alla didattica e alla musicoterapia.
– 28 giugno, S. Maurizio d’Opaglio (frazione Lagna), Cortile dell’Associazione (Teatro degli Scalpellini): Fingerstyle Life con il liutaio Max Monterosso (ore 17-19) e il concerto di Francesco Faldani (ore 21).Lo stile e la ricerca compositiva di Faldani sono da sempre orientati e devoti alla chitarra acustica, soprattutto grazie all’incontro artistico con due grandi e importanti chitarristi internazionali: l’australiano Tommy Emmanuel e l’americano Stephen Bennett, divenuti suoi grandi maestri ispiratori e inaspettatamente anche grandi amici.

La rassegna
– 29 giugno, Borgomanero, Teatro Rosmini: Enrico Rava (tromba) e Maurizio Brunod (chitarre). Progetto inedito: pezzi di Rava riarrangiati e rielaborati da Brunod, più alcuni standard riadattati con sonorità che spaziano da esperienze classiche ad atmosfere psichedeliche, grazie a loop ed effettistica per chitarra elettrica.

Maurizio Brunod ed Enrico Rava
Maurizio Brunod ed Enrico Rava

– 5 luglio, Vogogna, Palazzo Pretorio: Lelùc Acoustic. Un progetto musicale che si basa su composizioni inedite e rielaborazioni originali di brani di altri autori come Abel Fleury, Tommy Emmanuel, Stephane Wrembel, Pasquale Catalano, e viene proposto nell’attività concertistica del gruppo in differenti formazioni.
– 6 luglio, Proloco Baveno, Sagrato Chiesa Parrocchiale (Sala Nostr@Domus): Micki Piperno. Piperno si è imposto negli ultimi anni come concertista, didatta e compositore. La sua attenzione è rivolta alla chitarra moderna e all’acustica fingerstyle.
– 12 luglio, Omegna, Parco del Forum (Circolo ARCI): Tatè Nsongan et les Nson’girls. Artista poliedrico, compositore e musicista polistrumentista, ha dato origine a un nuovo progetto musicale, un’opera ispirata ai problemi dei migranti: si è avvicinato a questo argomento con il dovuto rispetto, narrando di viaggi, distacchi, lacerazioni, speranze, traghetti traboccanti di immigrati erranti.
– 20 luglio, Orta S. Giulio, Piazza Motta: Duo Suonovivo. Il duo, composto da Massimiliano Alloisio (chitarrista classico e musicologo) e Loris Stefanuto (percussionista docente del Conservatorio di Mantova), propone musiche di ambientazione ispano-latina, classica e contemporanea.
– 26 luglio, Proloco Miasino, Villa Nigra: Manuel Buda & Giulio Nenna.Un viaggio musicale attraverso la musica mediterranea e mediorientale. Melodie tradizionali, ritmiche travolgenti e passione caratterizzano il virtuosismo e la sperimentazione tecnica dei due giovani chitarristi.
– 2 agosto, Soriso, Piazza Del Municipio (Chiesa Madonna Delle Grazie): Chitarra Femminile Singolare con TheRaindrops Trio, Joan Thiele (voce e chitarra) e Valerio Carboni (contrabbasso). Lo sconfinato repertorio dei Raindrops comprende brani che rifuggono la classificazione di genere e che amano spaziare dalla canzone d’autore latinoamericana fino alle sonorità del rhythm and blues, dalla bossa nova brasiliana agli standard jazz, permettendosi incursioni in melodie dagli echi africani e mediorientali. Joan Thiele è una giovane cantautrice Italiana di origini canadesi e sudamericane. L’amore per la musica nasce con lei, ma si alimenta soprattutto in Costa Rica e Colombia, i luoghi della sua infanzia.
– 3 agosto, Gravellona Toce, Parco Albertini (Salone Parrocchiale): Roberto Diana. Roberto è un chitarrista delicato ma potente, a suo agio sia sull’elettrica che sull’acustica. Il suo stile personale unisce l’anima intima e acustica al virtuosismo, miscelato da una sensibilità rock ’n’ roll che rende emozionante e coinvolgente il suo ascolto.
– 9 agosto, Pettenasco, Cortile Casa Medioevale (Chiesa Parrocchiale):Roberto Marcotti. Da alcuni anni si dedica come solista, o in piccole formazioni, al repertorio latinoamericano e alla musica spagnola, insieme alla cantante-ballerina Monica Mariani. È il chitarrista del trio Mamas, con il quale ha inciso il CD Trio.
– 10 agosto,Baveno (frazione Feriolo), Sagrato Chiesa S. Carlo Borromeo: Paolo Mari. Ha una lunga esperienza didattica e concertistica; si è specializzato nel fingerstyle e più precisamente nella bossa nova. Ha pubblicato con Carisch il libro-DVD Violão. La chitarra brasiliana e il libro-CD Brazilian Guitar Solos.
– 15 agosto, Proloco Boleto, Santuario Madonna Del Sasso: Matteo Negrin. Chitarrista torinese classe 1974, licenzia in questo 2014 una raccolta di studi per chitarra e un album di musica elettronica. Tenterà di presentarli insieme in un concerto senza confini di epoca o di stile.
– 17 agosto, Stresa, Giardini Collegio Rosmini (Palazzina Liberty): Andrea Castelfranato. Nella sua musicalità si fondono sonorità andaluse ad atmosfere mediorientali, mediterraneo spagnolo e italiano, tradizione e innovazione.
– 23 agosto, Maggiora, Cantine Sorelle Conti: Chitarra Femminile Singolare con Marta Dolzadelli, Duo Mokuso. Sin dai primi anni di studio della chitarra Marta Dolzadelli si è aggiudicata il primo premio in numerosi concorsi nazionali e internazionali. Nel marzo 2012 ottiene un’importante affermazione con il secondo premio al concorso chitarristico ‘Ivor Mairants’ di Londra. Il Duo Mokuso si forma nel 2009 dall’unione dei due musicisti Emidio Alfano e Sara Rozzi, entrambi diplomati in chitarra con il massimo dei voti e la lode presso l’Istituto musicale pareggiato ‘A. Peri’ di Reggio Emilia, sotto la guida di Claudio Piastra.
Pierre Bensusan
Pierre Bensusan
– 30 agosto, Verbania (Lungolago di Pallanza), Collegiata S. Leonardo: Pierre Bensusan. Gli artisti veri, come il chitarrista parigino, sono in grado di far vibrare le corde più profonde dell’anima. Sarà per questo che è uno dei pochi in circolazione capace di mettere d’accordo appassionati di ogni genere.
– 31 agosto, Baveno, Sagrato Chiesa Parrocchiale (Sala Nostr@Domus): The Bitter Crop con Sara Jp Mambrini (voce), Val Bonetti (chitarre), Cristiano Da Ros (contrabbasso), Alberto Pederneschi (batteria). Lo spettacolo ripercorre il repertorio del country blues, ragtime e jazz di New Orleans degli anni ’20-’30, la musica di personaggi come Robert Johnson, Fats Waller, Bessie Smith, Sweet Emma Barrett, Mississippi John Hurt e tanti altri.
– 6 settembre, Invorio, Cortile Casa Curioni: Chris Proctor. La critica internazionale ha definito la sua tecnica strumentale tra i migliori esempi di fingerstyle americano degli ultimi vent’anni. Le sue composizioni vengono inoltre definite ‘eleganti’ e ‘spettacolari’.
– 7 settembre, Pella, Chiesa S. Albino:Chitarra Femminile Singolare con Francesca Galvagno, Angela Centola & Roberto Margaritella. La Galvagno è chiamata ad esibirsi regolarmente in veste di solista in svariati festival chitarristici e in rassegne musicali nazionali e internazionali. Angela Centola e Roberto Margaritella si sono incontrati nel 2004 a Novara, in occasione delle selezioni per l’accesso al Biennio Specialistico del Conservatorio ‘G. Cantelli’ di Novara, e hanno da subito formato un Guitar Duo che li ha portati a confrontarsi con un vasto repertorio.
– 13 settembre, Suno (località Baraggia), Chiesa Madonna Pellegrina: Bob Bonastre. Se il jazz, il rock e la musica contemporanea appartengono alla sua cultura, il suo lavoro sulla chitarra con corde di nylon ha aperto una nuova direzione, nella quale il sound è importante tanto quanto la nota.
– 21 settembre, Armeno, Teatro Parrocchiale: Mike Dawes. È stato salutato come uno dei più raffinati esecutori di musica per chitarra fingerstyle.
– 20-21 settembre, Borgomanero, Scuola Music’Art Academy: Don Ross. Workshop di due giorni in compagnia di uno dei chitarristi più esplosivi in circolazione, con un approccio allo strumento viscerale e dal forte impatto emotivo.

Don Ross
Don Ross

Info: www.unpaeseaseicorde.it.

PUBBLICATO
Chitarra Acustica, 06/2014, pp. 8-9