Chitarra Acustica 05/2016 – Che cosa è l’amore

0
74
14_Reno-Brandoni_AlfonsoGiardino
Reno Brandoni - foto di Alfonso Giardino
Reno Brandoni
Reno Brandoni

Brutta cosa l’amore. Senti il cuore che batte, ancora più forte, l’affanno smorza il fiato e taglia le gambe. La tua giornata non è più la stessa, la tua vita non è più la stessa. Non puoi concentrarti, sei attratto dal suo profumo e vincolato dalle emozioni. Ti addormenti gioioso pensando all’incontro, e ti svegli spaventato. Quando c’è l’amore devi guardare sempre indietro, mai avanti, perché il futuro è paura e incertezza.
Solo il ricordo ti fa felice: ciò che hai fatto, ciò che è stato, se hai creato famiglia o cresciuto dei figli. Vivi distrattamente il presente e inutilmente il futuro, perché tutto è lì nel tuo passato, nei tuoi pensieri.
L’amore non ti fa costruire futuro, il futuro lo progetti con gli amici. L’amore è tutt’altra cosa: è una chitarra scordata, una corda ossidata, un suono incerto e indeciso. Perché l’amore non dà sicurezza, ma fa crescere l’incertezza.

Prova a suonare la tua chitarra lasciando che le mani sulla tastiera le muova un altro. Picchierai più forte che puoi per ottenere un suono che non sarà il tuo, perché basta un dito fuori posto, una disattenzione per far perdere all’emozione – in un attimo – il suo respiro. Ecco cos’è l’amore, la paura che il suo dito prema il tasto sbagliato, cancellando la bellezza dell’armonia. Più bello è il suono, più cresce l’ansia e lo sgomento. Pensi che un giorno tutto sarà immancabilmente finito.

Brutta cosa l’amore, se ti prende il cuore, se non puoi farne a meno, se tutto diventa unico e condiviso.
Poi quando il tempo – perché verrà il tempo – scioglierà implacabile questo amore, lasciando solo un vuoto di incolmabile tristezza, sentirai il rimorso di aver amato così tanto, di esserti concesso così a lungo. E dopo che i ricordi li avrai ripassati più volte, fino quasi a dimenticarli, penserai che avresti preferito il silenzio piuttosto che questo dolore. Che brutta cosa è l’amore.
Ma quando avrai consolidato questa certezza, basterà un solo sorriso che – da una fotografia trovata in un cassetto – ti sussurri «ti amo», per farti urlare ancora una volta di gioia.

Che cosa meravigliosa è l’amore.
A Vittorio.

Reno Brandoni

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui