Indefinitezza

0
127

(Luca Francioso) – Ammetto di essere confuso e sgomento. Più volte, in questi giorni, mi è capitato di affermarlo. Io, che ho sempre una lucida opinione su tutto e che non perdo mai l’occasione di esprimerla, anche quando non conosco a fondo l’argomento che vanto di padroneggiare, mi sento smarrito, disorientato, turbato.

Confesso di non aver dato peso al dramma che stiamo vivendo e di averlo inizialmente bollato con le etichette di tutti i luoghi comuni sciorinati dai più fin dai primi contagi: da quella della semplice influenza a quella del virus creato in laboratorio, fino ad arrivare a non avvicinarmi neppure al mio vicino di casa per il timore di contrarre il virus.

Ho dunque filtrato ogni notizia con l’ottusità del superficiale, la paranoia del complottista e la paura dell’allarmista, ogni giorno con una diversa reazione e con una nuova e illusoria convinzione da ostentare nei miei saccenti sermoni casalinghi. Sono arrivato addirittura a prevedere future condizioni politiche ed economiche, nonostante alcuna competenza diretta, ipotizzando soluzioni più o meno definitive ai differenti problemi.

La verità è che non so un bel niente e di questo il mio ego deve farsene una ragione. Credo che tutto quel farneticare fosse soltanto un modo per tenere a bada il timore di uno scenario totalmente nuovo, dannatamente mutevole e di difficilissima interpretazione, benché ogni tanto finga ancora di avere tutto sotto controllo, soprattutto con i miei figli.

Con il passare del tempo, ogni cosa si è esageratamente ristretta nei settanta metri quadri del mio appartamento e non mi riferisco solamente a gesti, attività e interazioni quotidiane, ma anche e soprattutto ad attenzione e premura: sarei un ipocrita a non ammettere che il più delle volte il mondo mi appare soltanto come il silenzio ovattato e surreale oltre le mie finestre, niente di più. Poi a fine giornata leggo i numeri dei decessi, dei contagi e delle guarigioni e tutto mi sembra assurdo.

In questo tempo sospeso, rallentato e incerto, ho soltanto due certezze in grado di confortare il senso di smarrimento che tuttavia, in barba alla consapevolezza, non smetto di tentare di celare: la mia famiglia e la musica. Appare in effetti un’affermazione banale, me ne rendo conto, ma sono gli unici due aspetti che al momento rimangono perfettamente a fuoco.

Peccherei però nuovamente di ipocrisia se non confessasi che l’irrequietezza e lo stress emotivo accumulati lungo intere giornate rinchiusi dentro casa rendono i rapporti familiari alquanto complicati. La ricerca costante di equilibri da raggiungere, sempre piuttosto fragili e privi degli opportuni sfoghi di spazi e incontri, specie con tre bambini piccoli, a volte risulta snervante, sebbene non manchi mai la volontà di tutti di perseguirli.

Ciò che rimane sempre uguale a se stessa, pur non conoscendo l’immobilità, è la musica. È il riferimento quotidiano, l’unità di misura che riporta il tempo, altrimenti dilatato senza uno scopo apparente, nel corretto e costante susseguirsi di secondi, minuti e ore. Segna un perimetro, dando al presente uno spazio definito. Quando suono la mia chitarra improvvisamente non galleggio più tra i vari momenti della giornata: di colpo, tra le corde e le note che ne escono, ho di nuovo un peso e una più lucida percezione.

È una sensazione che non avevo mai provato prima, è come se adesso la musica avesse uno scopo diverso. A volte mi persuado che è questo il suo reale significato: sancire l’attimo in cui si compie, circoscriverlo e renderlo eterno, benché irripetibile. Ma poi, subito dopo, penso che forse avrei soltanto bisogno di uscire per rinsavire, e sorrido, perché in effetti ci sono momenti in cui mi sembra di essere ubriaco di porte chiuse e indefinitezza.

Come adesso che sto scrivendo: sono le cinque del mattino eppure non ho sonno. Sembra un momento qualsiasi della giornata. Magari dovrei suonare e riconsegnare a questo momento la sua reale collocazione temporale o magari è il caso di andare a letto e provare ugualmente a dormire. Quello di cui sono certo è che la prossima volta che avrò l’occasione di salire su un palco sarà sicuramente un’altra cosa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui