martedì, 27 Settembre , 2022

Jimmy Robinson – Guitarworks

ROBINSON_Guitarworks-coverChitarrista con studi seri ed esperienza quarantennale alle spalle, Jimmy Robinson mette bene in mostra l’influenza varia in cui si è formato e ha operato a partire dagli inizi psichedelici: l’album non è di ‘pura’ chitarra acustica e – va detto subito – almeno in questa sede Robinson non appare intenzionato a far sfoggio di virtuosismi tecnici. A riprova di questo, si esibisce anche in alcune cover che non ci saremmo aspettati: “Hurt” di Trent Reznor, credo ispirata dalla versione di Johnny Cash di qualche anno fa; “Eight Miles High” dei Byrds e “Little Wing” di Hendrix in una versione con voce femminile, il cui arrangiamento è più debitore di Gil Evans che di Hendrix stesso. Robinson è chitarrista molto ritmico e percussivo – a volte dal piglio rock, e ne sono testimoni “Can’t Stop Drinking”, “Frantic”, “12 String #2”, “Psycho Gras”, “Morning” – pur riservandosi fraseggi e solismi veloci qua e là. E sembra intenzionato a trovare un punto di equilibrio tra chitarrismo acustico e cantautorato; sul versante delle canzoni appare come efficace songwriter: “Everything Must Go” è un bel brano in tempo ternario; “You and Me” è una buona ballad; “River of Tears” è vicina al neo folk/traditional in minore; “You Make Me Crazy” sembra uscita dagli psichedelici anni ’60 (giudizio personale, l’unica pecca qua è la voce femminile ospite). Sul versante strumentale, i pezzi più forti sono “Lynne Louise”, “Colin Brown” con l’andamento da traditional e chitarristicamente più importante (bei fraseggi veloci e rolls tra i momenti di strumming), “Nu Slap” che rende conto delle sue varie influenze.

Sergio Staffieri

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Stay Connected

21,988FansMi piace
3,502FollowerSegui
20,100IscrittiIscriviti

Ultimi Articoli