Jukka Perko Avara – Invisible Man

0
41

ACT/Egea Music
perko-jukka_coverLa prima cosa che colpisce dell’Avara trio di Jukka Perko è il suo insolito setup: sassofono, chitarra acustica e chitarra elettrica. Anche se potrebbe sembrare una combinazione stravagante, l’inventiva armonica e il lirismo di Invisible Man lasciano un senso di rara pienezza ad onta di una formazione così ridotta. Anche con tre soli strumenti, infatti, il suono del gruppo è sorprendentemente denso, ciascuna delle voci sostiene e integra le altre. Gli arrangiamenti delle parti di chitarra elettrica e acustica sono raffinati, efficaci, intensi, con l’acustica di Teemu Viinikainen a tessere armonie spesso reinventate rispetto agli originali (“Tears in Heaven” di Clapton è deliziosamente stravolta nella sua armonia originale) e con l’elettrica di Jarmo Saari a eseguire contrappunti alle linee melodiche del sax di Perko, ma anche a inserirsi nella tessitura armonica con piccole frasi e sonorità originali.
Lo stato d’animo prevalente sembrerebbe essere la tipica malinconia nordica, ma con in più un barlume di speranza. Jukka Perko è diventato una delle voci più importanti del panorama jazz finlandese, combinando alla malinconia nordica la forza del bebop. Il percorso che ha portato Perko a formare l’Avara Trio è stato un misto di pianificazione intelligente e fortuna. Il sassofonista ricorda: «Una volta il bassista di una delle mie band non era disponibile, così ho pensato di dare una possibilità alla chitarra acustica di Teemu Viinikainen. Ha funzionato e lui è rimasto. Conosco Jarmo Saari dagli anni ’90. Quando l’ho sentito suonare in duo con un altro chitarrista mi è piaciuto ed ero curioso di vedere come si sarebbe comportato con una chitarra acustica. Così gli ho suggerito di provare con Teemu e me».

Invisible Man potrebbe essere considerato un disco musicalmente sfaccettato, ma in sostanza è un album di ballate. E questo sia a causa del suo suono di base e del suo carattere di musica che racconta, sia a causa del modo personale di Perko di fare le cose: «La mia idea di musica è cambiata negli ultimi anni. Si potrebbe dire che è diventata più lenta, più densa, perché sono meno concentrato sul ritmo e la tecnica e molto di più invece sulla profondità e il significato».

Meno scarico di emozioni individuali, quindi, e più attenzione all’interplay. Quella del trio Avara è una musica in cui i musicisti sono coinvolti tutto il tempo, senza che rischino di cadere nel ruolo di ‘ascoltatori’. A questo proposito, ciò è vero tanto per il trio quanto per il CD stesso. Con questa musica anche l’ascoltatore è parte attiva del processo creativo: può guardare una storia in musica così come si svolge davanti ai suoi occhi.

Gabriele Longo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui