Musicisti in trincea (15) – Dire addio ai computer fissi e produrre musica con iOS

0
83
iPhone 5C con l’app Voice Memos, iPad mini con l’app Music Memos, iPad Air 2 con l’app GarageBand

Autoproduzione e tecnologie di sopravvivenza
(di Francesco Manfredi) – Cari chitarristi aperti alla tecnologia e alle battaglie quotidiane di produzione musicale, ecco cosa ho scoperto negli ultimi tre anni di trincea: il computer è morto!
Lo so, è doloroso, e tutti abbiamo pianto quando il trombettista ha suonato “Il silenzio” al suo funerale. Ma dobbiamo farcene una ragione: addio alle ventole che entrano nei nostri microfoni, agli antivirus, alle periferiche non riconosciute, ai software costosi e ai loro maledetti aggiornamenti a pagamento. Asciugate le lacrime, la nostalgia sparisce subito e comincia la libertà!

Per chi pensa che mi sia venduto il cervello, o peggio, che come tanti YouTuber e blogger mi sia venduto per lodare qualche prodotto in cambio di qualcosa, state tranquilli, non lo farei mai. Le multinazionali della musica e dell’hi-tech restano ancora i miei nemici da denigrare e da sconfiggere, e poi – lo ammetto – occasionalmente accendo ancora PC e Mac per finalizzare qualche progetto musicale, ma la fase creativa ormai si può portare a termine tutta sul divano guardando L’isola dei famosi. Che mi venga un colpo a me e alla Ventura!

iPhone 5C con l’app Voice Memos, iPad mini con l’app Music Memos, iPad Air 2 con l’app GarageBand
iPhone 5C con l’app Voice Memos, iPad mini con l’app Music Memos, iPad Air 2 con l’app GarageBand

Le app per lavorare comodamente in cuffia e non sentire cosa dicono in TV, ce le regala tutte la famigerata Apple, e sembra quasi che ogni dispositivo sia perfetto per una fase distinta della composizione. Inoltre, spesso sono migliori delle app a pagamento:

  1. L’iPhone è perfetto per fischiettare o canticchiare una melodia in Voice Memos. Questa è la fase più importante, che molti chitarristi saltano, passando a comporre direttamente con lo strumento. Risultato? Tocco sopraffino, tapping stellare, percussione funambolica, atmosfera sognante, armonia alla Béla Bartók, arrangiamento alla Michael Hedges, suono fantastico ma… manca la melodia! Meditate gente.
  1. L’iPad mini è invece perfetto per la nuova app Music Memos di Apple, anch’essa gratuita. Basta mettere un metronomo o andare un minimo a tempo per gettare le basi della nostra canzone. Questa volta suoneremo la chitarra, il piano, l’ukulele o qualsiasi strumento armonico e, come per magia, l’app riconoscerà sia il tempo che gli accordi! Potremo poi correggere eventuali errori di riconoscimento dell’app o cambiare il basso degli accordi come dei veri compositori, e addirittura aggiungere una sezione ritmica ed esportare le tracce separate per GarageBand!
  1. Una volta aperto GarageBand, l’iPad Air con 1 GB di RAM, l’iPad Air 2 con i suoi 2 GB di RAM o addirittura l’iPad Pro con 4 GB e un processore ancora più potente, sono ormai un’ottima alternativa al computer fisso per arrangiare e registrare tutto il resto. Importiamo allora da Music Memos le nostre tracce automatiche di basso e batteria e la traccia guida di chitarra e voce, e iniziamo a sostituire i suoni. Per la chitarra acustica potremmo usare iRig Acoustic, oppure collegare un microfono ad iRig Pro o a qualsiasi interfaccia audio per iOS e registrare in modo più professionale il nostro brano. Ora GarageBand ha anche le automazioni, quindi si può addirittura completare il missaggio senza uscire da iOS.

Voi direte: ma quanto mi costa passare dal fisso, oramai démodé come un selfie di Britney Spears, al mobile? Se avete già i dispositivi, nulla; perché le applicazioni di cui vi ho parlato sono tutte gratuite. Se invece dovete partire da zero, potete anche bypassare iPhone e iPad mini e puntare direttamente ad un iPad Air da 32 GB, che si trova ormai in offerta intorno ai 300 euro, oppure ad un iPad Air 2 da 64 GB, che si trova anch’esso in offerta a meno di 500 euro. Fate un paio di serate in più questo mese, risparmiate e cominciate questa avventura sul vostro divano di casa! Simona Ventura non si offenderà e il vostro polveroso PC riposerà in pace.

Francesco Manfredi

Per ogni dubbio, proposta, commento, resto a disposizione su
francescomanfredi.net
oppure facebook.com/groups/acoustictellers

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui