Macadam – Latitudini incrociate

0
229

Macadam_Latitudini-incrociate_coverEchi di musica popolare, dall’Africa al Mediterraneo, dal Sud America al jazz… insomma, il Sud e il Nord del mondo che s’incontrano. In canzoni originali, in italiano, suonate in chiave acustica. In una sorta di ‘non luogo’ individuato in ‘acustiche latitudini incrociate’.
Macadam è un trio acustico che nasce una decina d’anni fa, passando da un’iniziale fase elettrica all’attuale acustica intorno al 2008. La loro è una garbata e raffinata musica d’autore che presenta elementi rock-blues, reminiscenze jazz, musica etnica afromediterranea. Il trio pavese è formato da Ivano Grasselli, cantante, chitarrista acustico, autore di musiche e testi, nonché valido polistrumentista (percussioni, melodica, basso acustico); Betti Verri, alla voce e piccole percussioni; Marco Sannella, al contrabbasso.
Hanno scelto di chiamare il loro CD con un ossimoro (le latitudini, così come le longitudini – per definizione – non s’incontrano mai). Sarà stato il gusto di evidenziare il contrasto degli elementi fondanti della loro musica? Oppure un puro e semplice gioco per portare l’ascoltatore in un ‘altrove’ dove tutto è possibile? Sta di fatto che la suggestione funziona, ché l’ascolto delle dodici tracce di Latitudini incrociate risulta molto piacevole, favorito dalla delicatezza degli arrangiamenti strumentali, al cui apice troviamo i begl’intrecci di chitarre acustiche ad opera di Grasselli, sempre in perfetto equilibrio tra canzone d’autore e folk. Un lavoro che denota una buona vena compositiva, un raro equilibrio tra testi e melodia, una levità d’insieme che non impedisce comunque ai singoli brani di mostrare il proprio carattere specifico. Su tutti spicca, a parer nostro, “Lisbona”, proprio per le sue sonorità e il tema trattato, perfetto crocevia di una geografia immaginaria di cui Macadam sono degni abitanti.

Gabriele Longo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui